[vc_single_image image=”1124″ img_size=”medium”]

Comincio a prendere confidenza con il basso elettrico all’età di 15 anni e qualche anno dopo con il
contrabbasso.
Successivamente decido di studiare con Roberto Pascucci (noto turnista ed arrangiatore italiano) presso il
Modern Music Institude approfondendo la tecnica bassistica moderna e la teoria nel jazz e nella fusion.
Nel 2009 e 2010 frequento i seminari di Umbria Jazz, in collaborazione con il Berklee College of Music di
Boston, dove ho la possibilità di studiare con musicisti del calibro di Dave Holland, Massimo Moriconi, Gary
Burton e Steve Swallow.
Nel 2012 vengo ammesso al triennio di specializzazione Jazz presso il conservatorio di Brescia dove ho modo
di approfondire lo stile jazzistico studiando armonia moderna e improvvisazione con il M° Alberto Mandarini,
Giulio Visibelli, Giovanni Falzone, Corrado Guarino, Bruno Tommaso.
Sempre nel contesto del Conservatorio ho approfondito lo studio del contrabbasso studiando con Riccardo
Fioravanti e Tito Mangialajo Rantzer.
Nel 2013 rappresento il conservatorio di Brescia nel Concorso Nazione dei Conservatorio Italiani a Frosinone
arrivando nei primi 5 sui 40 presenti in gara.
Sempre nel 2013 collaboro con la Contemporary Orchestra del Conservatorio di Brescia diretta dal M° Alberto
Mandarini e dal 2015 diretta dal M° Giovanni Falzone.
Dall’inizio del 2017 ho fatto parte del un quintetto diretto al noto percussionista Roberto Dani incentrato
sull’improvvisazione radicale nominato “Forme Sonore”
Sempre nel 2017 con il quartetto ATA registro un Ep con ospite Giovanni Falzone alla tromba e nell’estate del
2017 vengo selezionato con lo stesso quartetto a suonare sul palco principale per il JAZZIT Fest di Feltre;
festival organizzato dalla nota rivista specializzata che raggruppa i migliori soliti e le migliori formazioni jazz
del panoramo italiano.

  1. IMPOSTAZIONE
    Nomenclature delle parti dello strumento
    Accordatura
    Studio delle note sul manico
    Esercizi di stretching
    Posizione dell’avambraccio e del polso
    Impostazione della mano destra e della mano sinistra
    Curvatura e angolo delle dita
    Posizionamento e ancoraggio del pollice
  2. TECNICA BASE
    Finger style
    Diteggiatura
    Salti di corda
    Le ghost notes
    Hammer on
    Pull of
    Walking bass
  3. TEORIA E ARMONIA
    LA SCALA MAGGIORE
    Scala maggiore, scala cromatica, note diatoniche, regole di ortografia musicale, armature di chiave, circolo
    delle quinte, scale pentatoniche.
  4. GLI INTERVALLI
    Nome degli intervalli, qualità, rivolti, scorciatoie, trasposizione.
  5. GLI ACCORDI
    Triadi, accordi di sesta, accordi di settima, rivolti, disposizioni, sigle, condotta delle parti.
  6. GLI ACCORDI E I MODI DIATONICI
    Scale ed accordi diatonici, numeri romani, scale-accordo, modalità, tonalità.
  7. LE SCALE-ACCORDO
    Scelta delle scale, Chord Tone, tensioni, Avoid Note, tensioni e tipi di accordo, accordi-scale : lidia, ionica,
    misolidia, dorica, eolia, frigia, locria, diminuita simmetrica, esatonale, minore melodica, enarmonìa, vamp
    modali.
  8. L’ARMONIA FUNZIONALE
    Funzioni diatoniche, note attive, tonica, sottodominante, dominante, sostituzioni, pentatonica maggiore,
    cadenze, risoluzione di dominante, modelli II-V, e I-VI-II-V.
  9. LE PROGRESSIONE DEGLI ACCORDI
    Movimenti di toniche (primaria, secondaria), ritmo armonico, ciclo maggiore, note-guida, linee-guida,
    cadenza melodica.
  10. LA MELODIA DI BASE
    Stile, tracking, curva melodica, relazione melodia/armonia, ritmo melodico, movimento scalare, estensione,
    bilanciamento, forma, modelli, piano climattico, Chord Tone, salti, voiceleading, lick, attivare i punti deboli,
    fraseggio, swing, anticipazioni, notazione, pulsazione, indicazione di tempo, bandierine, linee di battuta
    immaginarie, groove.
  11. LA FORMA DELLA CANZONE
    AB, AABA, ABAC, ABCD, Blues, forme inconsuete, simboli sullo spartito.
  12. IL BLUES
    Universalità, forma, fraseggio, scala blues, note blues, lick e riff, blues Jazz.
  13. LE TONALITA’ MINORI
    Minore naturale, relativa, parallela, modo eolio, tonalità minore, cadenze in tonalità minore, minore armonica,
    scala misolidia b9b13, accordi atipici, minore melodica, dorica, primo grado riarmonizzato, accordi in
    comune, funzioni.
  14. LE DOMINANTI ESTESE E SECONDARIE
    Armonia cromatica, dominanti secondarie e dominanti estese, simbolo-freccia, ciclo esteso, scale-accordo
    relativi alla tonalità, movimenti accordali 5, 6, 7, risoluzione diretta e indiretta, secondi gradi relativi, II-V,
    simbolo di parentesi, Avoid note dorica.
  15. LA SOSTITUZIONE DI TRITONO
    Tritono, sostituzione di tritono del V grado, simbolo di freccia tratteggiata, sostituzione di tritono delle
    dominanti secondarie, scala misolidia #11, scala alterata di dominante, scala diminuita di dominante, modelli.
  16. L’INTERSCAMBIO MODALE
    Modi misti, scale-accordi paralleli, interscambio modale, funzione di sottodominante minore, cadenze di
    sottodominante minore, scale ibride.
  17. LE VARIAZIONI DELLA SCALA DI DOMINANTE
    Struttura delle scale-accordo di dominante, disposizioni, sonorità, misolidia, sus4, misolidia #11, esatonale,
    misolidia b9, diminuita di dominante, misolidia b9b13, alterata, composita.
  18. L’ARMONIA DIMINUITA
    Accordi e scale diminuiti, funzione diminuita di passaggio, scale simmetriche e relative alla tonalità, diminuite
    di colore, riarmonizzazione, II-V minori.
  19. LA MODULAZIONE
    Identificare la modulazione, numeri romani, analisi, diretta, di passaggio, accordo fulcro, dominanti-fulcro,
    ritmo armonico, aree tonali, modulazione d’inganno.
  20. GLI ABBELLIMENTI ARMONICI
    Rivolti degli accordi, line clichèes, pedali di basso.
  21. LA SOSTITUZIONE DEGLI ACCORDI
    Alterazione delle scale-accordo, colori delle scale di dominante, dominanti secondarie, sostituti brillanti e
    scuri, sostituzione di tritono, scale diminuite di dominante, sostituzione funzionale, tabella della funzione
    accordale, sostituzioni di II-V, secondi gradi relativi, sostituzione con accordo d’approccio, approccio esteso,
    riarmonizzazione, turnaround, lick.
  22. IL BEBOP
    Qualità armoniche, qualità melodiche, note d’approccio, modelli, analisi.
  23. IL JAZZ MODALE
    Jazz modale, sezione ritmica, vamp modali, movimenti di accordi, disposizioni, melodia, pentatoniche,
    sideslipping.
  24. LA PENTATONICA
    Note della pentatonica, modi, sonorità, relazione fra scale e accordi, pentatoniche alterate, combinazioni di
    pentatoniche, tabella comparativa pentatoniche/modi, pentatoniche e accordi di dominante, modelli di
    movimento, gruppi di quattro note, modelli cromatici.
  25. L’ARMONIA NON FUNZIONALE
    Movimento non funzionale, pattern paralleli e simmetrici, sistemi simmetrici, sostituzione funzionale, modelli
    composti, i II-V di Coltrane, esempi di progressioni.
  26. STUDIO DEGLI STILI
    Black : Blues, Soul, Funk, Reggae, R’n’B
    Jazz: New Orleans, Swing, Bebop, Ballads, Latin, Fusion
    Rock: Rock & Roll, Hard Rock, Progressive
    Popular : Cantautorato italiano e musica pop Americana
    Nota : Naturalmente è impossibile padroneggiare nel dettaglio ogni stile o genere, ma con l’allievo si approfondirà ciò che ritiene
    più consono al suo percorso musicale; tuttavia è doveroso avere una conoscenza stilistica di ciò che è avvenuto nel corso della storia
    della musica.
  27. TECNICA AVANZATA
    Pizzicato a 3 dita (pollice, indice e medio)
    Open hammer pluck
    Double thumbing
    Double pluck
    Tapping
    Armonici naturali ed artificiali
    Accordi in stile chitarristico
    Slap percussivo nello stile di Mark King
    Palm muting
  28. EAR TRANING
    Canto e riconoscimento degli intervalli
    Riconoscimento di triadi (maggiori, minori, aumentate, diminuite)
    Riconoscimento di accordi a 4 voci
    Riconoscimento di accordi a 4 voci con alterazioni
    Riconoscimento delle movimento dei bassi partendo da un ascolto musicale
    Riconoscimento delle movimento degli accordi partendo da un ascolto musicale
  29. STUDIO DEI BASSISTI
    Rock anni ’60: Paul McCartney, Jack Bruce, John Entwistle, Noel Redding, Tim Bogert, Bill Wyman.
    Rock anni ’70 : John Paul Jones, Roger Waters, Roger Glover, John Deacon, Sting.
    Rock anni ’80/’90 : Paul Simonon, Tina Weymouth, Mick Karn, Les Claypool, Flea
    Progressive : Greg Lake, Chris Squire, Mike Rutherford, John Wetton, Tony Levin, Patrick Djivas.
    Soul, Rhythm ‘n’ Blues : James Jamerson, Bernard Odum, Tommy Cogbill, Donald “Duck” Dunn, Chuck Rainey, Jerry Jemmott,
    Carol Kaye, Larry Taylor.
    Funk : Larry Graham, Bootsy Collins, Louis Johnson, Verdine White, Bernard Edwards, Francis Rocco Prestia, Nathan Watts, Bill
    Laswell, Doug Wimbish, Mark King, Victor Wooten.
    Reggae : Aston “Family man” Barrett, Robbie Shakespeare.
    Jazz: Pops Foster, John Kirby, Walter Page, Jimmy Blanton, Oscar Pettiford, Ray Brown, Charles Mingus, Scott LaFaro, Paul
    Chambers, Gary Peacock, Ron Carter, Steve Swallow
    Fusion : Stanley Clarke, Abe Laboriel, Max Bennet, Miroslav Vitous, Alphonso Johnson, Jaco Pastorius, Paul Jackson, Anthony
    Jackson, Will Lee, Marcus Miller, John Patitucci, Gary Willis, Jeff Berlin, Alain Caron, Michael Manring, Stuart Hamm.
    Nota : ovviamente le divisioni per genere o per decadi sono indicative, ad esempio un bassista come Stanley Clarke ha suonato di
    tutto (jazz, funk, rock, pop), mentre John Entwistle è stato un bassista significativo anche negli anni ’70.
  30. IMPROVVISAZIONE
    Applicazione dei principi teorici e tecnici su successioni di accordi, standards, blues e rhythm changes.
    Studio, memorizzazione e trasporto in tutte le notalità di temi e melodie (sul pentagramma e ad orecchio).
    Memorizzazione e trasporto di sequenze accordali.
    Scale e cliché negli stili improvvisativi
    Esecuzione e trasporto di patterns melodici in vari stili.
    Trascrizione di assoli
  31. SOLFEGGIO E LETTURA RITMICA (eseguito direttamente sullo strumento)
    Concetto di pulsazione e metronomo
    Indicazioni di andamento
    La notazione della durata
    Organizzazione metrica
    La croma
    Il punto e la legatura di valore
    Le unità di divisione, suddivisione e misura
    La terzina
    La semicroma
    I tempi composti
    I tempi irregolari
    La biscroma e semibiscroma
    La quintina, sestina e settimina
    Le misure alternate
    Poliritmia
  32. STRUMENTAZIONE E SUPPORTI DIDATTICI
    Dispongo dell’amplificazione necessaria per la lezione individuale di strumento oltre che di un notebook con
    annesso impianto audio per l’ascolto e la riproduzione delle basi.
    La lista dei manuali, metodi, spartiti e supporti audio viene fornita direttamente dall’insegnante durante il
    percorso didattico
  33. OPZIONALE : LEZIONI COLLETTIVE DI MUSICA D’INSIEME
    Studio dei brani proposti con particolare cura del linguaggio inerente al genere, della lettura e dell’insieme
    con gli altri strumenti.
    Discussione con tutti i componenti dell’esecuzione per sollevare punti di forza e criticità.
    Cura degli ensemble a livello ritmico e di intonazione.
    Comprensione del ruolo del proprio strumento all’interno del brano proposto.
    Sviluppo del proprio modo di improvvisare ed interagire con gli altri membri del gruppo.
    Arrangiamento dei brani proposti da parte degli studenti.